Home page Puglia Imperiale Turismo italianoenglishdeutschfrançaisespañol češtinadanskελληνικάeesti keelsuomimagyarlietuviu kalbalatviešu valodamaltinederlandspolskiportuguêsslovenčinaslovenščinasvenskaromânăбългарски 日本語 (japanese)русский язык简体中文 (chinese)
Home page Puglia Imperiale Turismo Home Page  chi siamo  magazine  contatti  area stampa  links  stl   
  feed rss e gadget  mappa del sito  cerca   
Dimensione del carattereCarattere standardCarattere piccoloCarattere medio
Aggiungi a my.pugliaimperiale.com AGGIUNGI A MY.PUGLIAIMPERIALE.COM
Cosa Fare Pianifica il tuo viaggio Multimedia
La storia
Il territorio
Le città
Tesori dell'arte e della storia
Itinerari
La strada di Federico II in Puglia
Trani t'incanta - Week end a Trani.
Quattro passi in Puglia Imperiale
Alla scoperta del misterioso popolo degli Ipogei
Itinerario del Gusto lungo le Strade del Vino e dell'Olio
Terra di Grandi Battaglie
Tesori venuti dal mare
L’Archeologia preistorica
Mare, saline e Zone Umide
Le Murge
Nella valle dell'Ofanto: il Treno dell'Archeologia
 
   
Tu sei Qui: Home > Dove Andare > Itinerari > Itinerario del Gusto lungo le Strade del Vino e dell'Olio
Versione stampabileVersione stampabile Itinerario del Gusto lungo le Strade del Vino e dell'Olio
Invia tramite emailInvia tramite email
Itinerario Enogastronomico Itinerario Enogastronomico
Itinerario del Gusto lungo le Strade del Vino e dell'Olio
Il territorio della Puglia Imperiale porta il segno indelebile della presenza di Federico II, impronta preziosa ed emblematica che si riconosce nei monumenti, rivive nelle tradizioni e nel folklore popolare. Il vino e l'olio hanno un legame ancestrale con questa terra e suggellano l'intimo rapporto con l'imperatore, affascinato dagli spazi sterminati e dai profumi di questi luoghi rigogliosi di natura. Chi giunge in questa terra riscopre sapori e saperi: un mondo fatto di genuinità e passione per il mangiar sano che trae origine da tradizioni enogastronomiche che si tramandano nel tempo.

Lungo il Tratturo regio, che percorre il territorio dell'Alta Murgia, al paesaggio di campi e uliveti si alternano i filari delle viti che occupano pendii e terrazzamenti. Al di sopra, steppa, pascolo e seminativo contendono lo spazio a lame e doline e inghiottitoi, manifestazioni del carsismo, tipiche del Parco Nazionale dell'Alta Murgia, primo parco rurale d'Italia. Attraverso tracciati longitudinali che percorrono i sentieri della transumanza, è facile imbattersi in masserie, insediamenti rurali con antiche cantine, frantoi, e campi chiusi, dove i filari dei vigneti si alternano a uliveti secolari, colture erbacee e mandorleti. Il paesaggio è intriso di storia, viti e olivi sono monumenti viventi e la terra, baciata dal sole, sgargiante di intensi colori.

Ma dalla murgia al mare il passo è breve e lo spettatore resta incantato dall'alternarsi di paesaggi così diversi tra di loro ma legati intimamente dalla storia. Il nostro itinerario parte da Andria, "città dell'olio", vanto del territorio per il primato di capitale per la produzione dell'olio extravergine d'oliva. Tra distese verdeggianti di ulivi e vigne, lungo la Strada dell'Olio d'Oliva DOP Castel del Monte, è d'obbligo concedersi una sosta in frantoio per degustare il nostro "oro verde" che arricchisce il sapore di una classica bruschetta.

Andria, città "fidelis", come testimonia l'epigrafe sulla Porta di S.Andrea, degna di nota per il suo patrimonio storico culturale, vanta anche una tradizione dolciaria secolare suggellata dalla presenza di un Museo del confetto, unico nel suo genere in tutto il meridione. Proseguendo alla volta di Montegrosso, antico borgo rurale, si riscopre il piacere della tranquillità e si possono apprezzare sia i ritmi naturali di un centro agricolo sia la cucina tipica locale. Tuffandosi nel cuore del Parco Nazionale dell'Alta Murgia, si giunge a Minervino Murge. Definito "Balcone delle Puglie" per la sua posizione dominante, è un piccolo centro ricco di storia e di fascino. La parte più antica del paese, nota come Scesciola, è un affascinante dedalo di vicoli tortuosi, piccoli archi e scale in pietra che conducono all'antico Castello normanno svevo. All'interno la Mostra archeologica "Quando l'Ofanto era color dell'ambra", allestita nelle stanze che probabilmente appartennero al Cavaliere Bayard, al quale la tradizione dolciaria ha dedicato il noto panetto di Minervino, dolce tipico a base di fichi secchi, uva passa, mandorle, profumi di arancio e vin cotto.

La tradizione enogastronomica, rivela un patrimonio invidiabile di sapori e saperi e rivive,come in un racconto, nella sublime arte del convivio dei ristoranti locali.
Nel periodo autunnale a farla da padrone è il noto fungo cardoncello, prodotto principe dell'Alta Murgia tra Minervino e Spinazzola, prelibato alimento conosciuto e gradito fin dai tempi degli antichi romani, ritenuto da altri espressione di forze soprannaturali e definito "cibo degli dei", apprezzato e studiato nel Medioevo e Rinascimento, oggi parte del patrimonio antropologico locale.
 
  TEMPO CONSIGLIATO:  
  3 Giorni  
  LIVELLO DI DIFFICOLTÀ:  
  Difficoltà BassaDifficoltà BassaDifficoltà BassaDifficoltà BassaDifficoltà Bassa  
Da visitare durante questo itinerario:
Basilica Cattedrale  Trani
Castel del Monte Andria
Chiesa e Grotta di San Michele Minervino Murge
Cattedrale Santa Maria Assunta Andria
Museo Archeologico  Minervino Murge
Borgo Antico "Scesciola" Minervino Murge
Borgo Antico Spinazzola
Chiesa Madre San Pietro Apostolo Spinazzola
Museo del confetto Andria
I prodotti tipici:
L'Olio Extravergine d'oliva DOP
DOC Moscato di Trani
DOC Castel del Monte
   
 
Agenzia per l'Occupazione e lo Sviluppo dell'area Nord Barese Ofantina - s.c.a r.l.
Partita Iva 05215080721
Puglia Imperiale – Sede: Corso Cavour, 23 - Corato (BA) Italy
Tel. 080.4031933 - Fax 080.4032430
Unione Europea Ministero dell'Economia e delle Finanze Agenzia per l'Occupazione e lo sviluppo dell'area Nord Barese / Ofantina Regione Puglia Ente Nazionale Italiano per il Turismo Home Page
 
Credits
Termini di Utilizzo
Privacy Policy